INDICI GENETICI

Gli indici genetici (produttivi e morfologici) riportati sono il frutto della valutazione genetica effettuata con il metodo Blup-Animal Model, la metodologia pił avanzata ed efficace nel campo della valutazione genetica animale.

I caratteri produttivi in esame sono:

• Produzione di mozzarella in chilogrammi (PKM)
• Produzione di latte in chilogrammi
• Produzione di grasso in chilogrammi
• Produzione di grasso in percentuale
• Produzione di proteine in chilogrammi
• Produzione di proteine in percentuale

I caratteri morfologici in esame sono:

• Punteggio generale
• Struttura
• Capacitą corporea
• Apparato mammario
• Statura
• Larghezza attacco posteriore mammella

L’obiettivo della selezione per i caratteri produttivi, definito dalla competente Commissione Tecnica Centrale dell’ANASB, è l’aumento della produzione di mozzarella, unitamente al miglioramento sia della quantità sia della qualità del latte, e viene espresso nell’indice di selezione PKM.
Questo indice è stato stimato a partire dalla produzione dei chilogrammi di mozzarella nella singola lattazione (Altiero et al., 1989), produzione ottenuta a partire dai chilogrammi di latte e della percentuale di grasso e proteine secondo la seguente formula:

  3.5 x (% proteine) + 1,23 (% grasso) – 0.88
Mozzarella (kg.) = Latte (kg.) x ___________________________________________
 
100



I dati di partenza per l’elaborazione sono quelli anagrafici estratti dalla Banca Dati Centrale dell’ANASB, e quelli di lattazione provenienti dalla Banca Dati AIA dei Controlli Funzionali.

L’indice genetico stima quello che non può essere direttamente misurato (il genotipo) a partire da un dato misurabile (il fenotipo: latte prodotto, Kg di proteine, etc.).
Tale indice va interpretato come l’attitudine del soggetto a trasmettere potenzialità produttiva alla sua discendenza fornendo una previsione di quanto essa potrà risultare utile ai fini della selezione.

Selezionare significa scegliere gli animali da utilizzare come genitori della futura progenie facendo in modo che essi abbiano un valore genetico superiore alla media della popolazione di riferimento, cosicché la media del valore genetico e delle produzioni della loro progenie risulti migliore della media della popolazione di partenza.

Gli indici si basano su lattazioni chiuse e aperte la cui lunghezza va da 140 a 570 giorni. Tutte le produzioni sono state proiettate a 270 giorni di lunghezza eliminando quelle che presentavano un valore inferiore a 1,300 kg.